L’UMBRIA NON E’ SOLO TERREMOTO – SCOPRILO CON NOI

NORCIA PRIMA E DOPO

Eh già l’Umbria non è solo terremoto. Per capire questo mi viene in mente una sola parola:
Destino: l’insieme impoderabile delle cause che si pensa abbiano determinato (o stanno per determinare) gli eventi della vita..
Destino: potenza esteriore e superiore alla volontà, la cui azione si manifesterebbe nel fissare in anticipo certi avvenimenti che si produrranno infallibilmente.
Questi sono solo un paio di modi per definire il “destino”, ma a qualunque credo appartenga ognuno di noi, sono sicura che ogni essere umano, vedendo ai Tg le notizie sui continui terremoti del centro Italia, abbia pensato la stessa frase “ma che sfigaaa!”.
L’Umbria è stata una delle regioni colpite da questa “sfiga”, e ancora oggi combatte contro scosse di assestamento e mancanza di alloggi.
Non voglio tediare nessuno con articoli sui terremoti, è stato già scritto di tutto e di più, io di certo non ho le competenze per farlo, però qualcosa possiamo farlo un po’ tutti.   Del resto, come si dice?? Ogni piccola goccia contribuisce a formare un oceano.
IL MOLINETTO, forse è anche meno di una goccia, ma vogliamo dire qualcosa che fino adesso non ha detto nessuno, che non ho letto da nessuna parte:
IL TERREMOTO NON HA RASO AL SUOLO L’UMBRIA
E’ stato devastante, si, ma in quelle località che noi tutti conosciamo. Al di fuori di quei comuni, il terremoto si è avvertito, come lo abbiamo avvertito nel resto del centro Italia, ma non ha fatto danni fortunatamente.
In questi mesi ho scoperto che i Tg stranieri hanno parlato di terremoto in Umbria, facendo intendere un pericolo esteso in tutta la regione, hanno parlato di italia sotto assedio dal sisma, le notizie, sia nel mondo che nella nostra nazione, sono stati martellanti circa il continuo stato in essere delle scosse di assestamento.  E alla fine? Quale è stato il risultato di questo massacro mediatico?…….
Il crollo netto del turismo in una delle regioni più belle d’Italia.
Non ho parole… I mass media da un lato ci massacrano di immagini devastanti per convincerci a donare aiuti economici, dall’altro, fanno del tutto per bloccare l’economia di una regione?                                                                                                         Qualcosa non mi torna…
Io non sono certamente un’esperta di economia, né tantomeno una stratega, ma mi chiedo ugualmente, perché????? Perché continuare a terrorizzare la gente? L’Umbria in questo momento ha bisogno di un rilancio. Ha bisogno di sentire che ci siamo e che ci fidiamo della terra che ci ha dato così tanto. E’ semplice per chiunque capire che il calo del turismo ha ripercussioni gravissime su una regione così piccola, non serve essere degli esperti.
Todi, per esempio, è a circa 90 Km da Norcia, 1h20 di macchina, una distanza che un americano percorre ogni giorno per andare al lavoro per esempio. Beh a Todi non ci sono stati danni, il terremoto si è sentito, si, come si è sentito a Roma e in tante altre zone, ma per uno straniero, 90 Km, non sono una distanza di sicurezza sufficiente.
E questo a chi conviene????
E allora vogliamo informare il mondo per favore? Un’informazione reale e costruttiva, non solo allarmista. Qualcuno dovrà pur dire che l’Umbria è ancora visitabile con i suoi borghi medievali, i suoi fiumi, i suoi laghi e le sue valli.
Qualcuno dovrà pur dire che se ognuno di noi venisse a trascorrere qualche giorno in Umbria, l’economia ricomincerebbe a rimettersi in moto e questo sarebbe un grosso aiuto per le località colpite.
NOI DAL MOLINETTO VOGLIAMO PROPORRE UN MODO ALTERNATIVO DI FARE DONAZIONI E BENEFICENZE VARIE (visto che ormai non ci crede più nessuno):              PROGRAMMATE LE VOSTRE VACANZE IN UMBRIA, ACQUISTATE PRODOTTI LOCALI E GODETEVI UNA TERRA MERAVIGLIOSA…
In questo modo sarete sicuri di aver fatto qualcosa di veramente utile per questa regione.
Ecco forse il destino di ognuno di noi che siamo in Umbria è proprio questo… mostrare al mondo l’altro lato della medaglia… e noi continueremo a mostrarvi un’Umbria che non conoscete…
Buona vacanza a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *